Mal di schiena: artrosi e dolori muscolari prime cause

Il mal di schiena è una delle sindromi dolorose più diffuse in tutto il mondo, Italia compresa, nonché una delle più frequenti cause di richiesta di consulto medico, assenze dal lavoro, perdita di anni di vita in buona salute e invalidità.

Patologie e dolori alla schiena

A esserne interessati, a causa di patologie acute o croniche come l’artrosi della colonna vertebrale, ernie del disco o contratture muscolari, sono soprattutto le persone con più di 40-45 anni, ma in realtà chiunque, a qualunque età può sperimentare una qualche forma di mal di schiena, bambini compresi.
 
In genere, durante l’infanzia, l’insorgenza di mal di schiena è legata principalmente all’assunzione di posture scorrette a scuola, al trasporto di zaini troppo pesanti (soprattutto su una spalla sola) oppure alla presenza di alterazioni muscoloscheletriche (come la scoliosi), asimmetrie anatomiche (per esempio, la diversa lunghezza delle gambe), difetti di deambulazione legati alla conformazione dei piedi, a una displasia dell’anca non corretta nei primi anni di vita o altre patologie specifiche.
 
Ragazzi e giovani adulti, invece, sono interessati dal mal di schiena soprattutto come conseguenza della pratica sportiva (specie, se eccessiva o eseguita con una tecnica inappropriata), di traumi accidentali o di movimenti bruschi che sollecitano i muscoli in modo abnorme determinandone la contrattura reattiva.
 
In giovane età, la lombalgia di varia natura rappresenta la principale causa di limitazione funzionale e interruzione dell’attività sportiva, soprattutto nei casi in cui si ripresenta spesso e quando si associa ad alterazioni vertebrali importanti, come la spondilolistesi (spostamento in avanti di una vertebra rispetto a quella adiacente, facilitato dai movimenti di iperestensione della colonna vertebrale, tipici della ginnastica artistica e della danza classica).

Cause del mal di schiena

Il mal di schiena può essere indotto da molte cause e presentare caratteristiche differenti, che devono essere indagate attentamente per poter emettere una diagnosi differenziale precisa e individuare l’approccio terapeutico più appropriato caso per caso.
 
Le principali tipologie di mal di schiena riscontrate in pratica clinica comprendono:

  • la lombalgia non complicata/aspecifica (in assoluto la più diffusa, spesso associata a contrattura muscolare acuta o a stiramento dei legamenti e in molti casi non riconducibile una causa ben definita);
  • la sciatalgia o “sciatica” (infiammazione del nervo sciatico, che parte dalla regione lombare della colonna vertebrale e scorre lungo la parte posteriore della gamba fino all’incavo del ginocchio, per poi diramarsi fino al piede);
  • l’artrosi delle vertebre lombari, dorsali o cervicali (con conseguente infiammazione dei tessuti molli circostanti il tratto vertebrale interessato e contrattura muscolare reattiva), associata o meno a discopatie (ernia del disco, ernie cervicali ecc.) e/o sofferenza del midollo spinale;
  • il “colpo della frusta” (contrattura violenta, improvvisa ed estremamente dolorosa dei muscoli lombari durante l’esecuzione di un movimento brusco della schiena);
  • le fratture vertebrali da “compressione”, conseguenti a traumi o spontanee (queste ultime frequenti in chi soffre di osteoporosi severa).

A prescindere dalla causa che ha indotto il mal di schiena, la presenza di una possibile compromissione neurologica a carico dei nervi spinali o del midollo spinale è segnalata dall’insorgenza di dolore che si irradia in altri punti del corpo (braccia e mani nel caso della cervicalgia; gambe e piedi nel caso della lombalgia), accompagnato da formicolii, alterazioni della sensibilità (al caldo/freddo, alla pressione ecc.), calo di forza e di controllo muscolare. Qualora vi sia una sofferenza midollare a livello cervicale, possono manifestarsi anche vertigini, difficoltà d’equilibrio, instabilità sulle gambe, incontinenza e difficoltà a camminare.
 
Meno frequentemente un mal di schiena acuto molto intenso può comparire a causa di:

  • patologie renali e/o delle vie urinarie (calcolosi, infezioni ecc.);
  • infiammazioni del pancreas o, negli uomini, della prostata;
  • ulcera gastrica complicata;
  • malattie infiammatorie intestinali (sindrome del colon irritabile, diverticolite ecc.);
  • infezioni o tumori spinali o, nelle donne, a c arico di utero od ovaie.

Fattori di rischio per mal di schiena complicato

  • età superiore i 50 anni.
  • dolore di durata superiore a 4 settimane.
  • recente trauma alla schiena.
  • storia di neoplasie o di osteoporosi.
  • perdita di peso non intenzionale.
  • dolore notturno, insonnia, sudorazione.
  • affaticamento, febbre, mal di testa.
  • uso di immunosoppressori, corticosteroidi o farmaci iniettivi.

Patologie e dolori alla schiena

Ciò premesso, a titolo di rassicurazione, va sottolineato che l’85-90% della popolazione mondiale soffre di mal di schiena “aspecifico”, ossia non associato a danni articolari, muscolari o neurologici clinicamente significativi e legato principalmente alla predisposizione genetica individuale, cui si aggiunge il contributo sfavorevole dato dal mantenimento di posture scorrette per periodi prolungati, dall’esecuzione di movimenti inadeguati, dalla sedentarietà o, al contrario, da un eccesso di attività fisica/sforzo muscolare a livello della schiena a del tronco.
 
Anche aspetti psicologici possono promuovere o peggiorare il mal di schiena, a causa sia dell’impatto di ansia e stress sul tono muscolare (contratture) e dell’aumentata sensibilità al dolore tipica degli stati ansioso/depressivi, sia in relazione a possibili fenomeni di somatizzazione del disagio psichico. Sul fronte dello stile di vita, invece, ad aumentare il rischio di mal di schiena, in particolare a livello lombare, sono soprattutto il sovrappeso (compreso quello fisiologicamente associato alla gravidanza) che impone un carico extra costante alla schiena, e, per ragioni ancora da chiarire, il fumo.

Dolori muscolari alla schiena: i sintomi

Limitandosi al caso della lombalgia comune, i sintomi caratteristici che permettono al medico di riconoscerla e inquadrarla durante la semplice visita sono soprattutto il dolore localizzato nella regione lombare (con eventuali irradiazioni a distanza), la contrattura più o meno accentuata dei muscoli di sostegno della colonna vertebrale e la limitazione dei movimenti.
 
Durante la visita, il medico esaminerà, in particolare, lo stato delle vertebre (posizionamento, anomalie strutturali palpabili ecc.) e dei muscoli (simmetria, livello di contrazione, motilità ecc.) e le reazioni alla sollecitazione di zone ben definite, in grado di informare sull’origine e la natura del dolore (“trigger point”).
 
La valutazione aggiuntiva degli organi della zona addominale e pelvica e l’eventuale prescrizione di esami di laboratorio mirati (non sempre necessari) permetteranno invece di escludere patologie a carico dell’apparato gastroenterico (intestino, fegato, pancreas) e urinario (reni, ureteri, prostata) o altre condizioni sistemiche potenzialmente all’origine del mal di schiena (disfunzioni tiroidee, diabete ecc.).
 
Nella stragrande maggioranza dei casi, la visita medica, unita all’analisi della storia clinica, delle abitudini di vita della persona interessata e delle modalità di insorgenza del disturbo, è sufficiente a stabilire la “benignità” del mal di schiena presente e a suggerire un primo approccio terapeutico per alleviarlo.
 
L’esecuzione di indagini di strumentali (radiografia, TAC, risonanza magnetica, densitometria ossea, test neurologici ecc.) è indicata soltanto in una minoranza di casi, quando l’insieme delle manifestazioni e il quadro clinico complessivo del paziente inducono a sospettare che all’origine del dolore vi sia una patologia meritevole di interventi mirati, compreso il ricorso alla chirurgia.

Come alleviare il mal di schiena

In generale, in prima battuta, per alleviare dolore e l’infiammazione associati a un attacco di lombalgia determinato dalla riacutizzazione di un’artrosi vertebrale cronica o da una contrattura muscolare estemporanea (colpo della strega, strappi muscolari ecc.) è indicato il trattamento con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), topici o sistemici, oppure analgesici (che però non agiscono sull’infiammazione), associato al riposo e alla graduale ripresa dell’attività fisica abituale.
 
Anche se il dolore persiste per diversi giorni, il riposo assoluto, a letto, deve essere limitato al minimo periodo necessario (ossia, idealmente, non più di 24-48 ore), mentre le sedute in poltrona vanno il più possibile evitate, poiché peggiorano il mal di schiena anziché alleviarlo. Per quanto possa apparire strano, invece, il movimento deve essere ripreso al più presto, poiché rappresenta il migliore alleato per ottenere una remissione rapida ed efficace della lombalgia acuta.
 
Dopo i primi 2-3 giorni dall’esordio, quando la componente infiammatoria del mal di schiena si è sostanzialmente attenuata, oltre ai farmaci, per favorire l’ulteriore attenuazione del dolore e rilassare la muscolatura si può sfruttare la terapia termica, basata sull’applicazione di impacchi caldi “fai da te” oppure di fasce autoriscaldanti studiate allo scopo, reperibili in farmacia. Questa strategia è molto utile soprattutto quando è presente una contrattura muscolare significativa, come nel caso del “colpo della strega”, poiché l’aumento di 2-3°C della temperatura locale ha un’azione miorilassante e antidolorifica, ottenuta senza il ricorso a medicinali.
 
L’applicazione, per tre giorni consecutivi, di una fascia riscaldante in grado di mantenere la temperatura cutanea intorno a 40°C per 8 ore al giorno, in persone con lombalgia acuta è utile nel ridurre il dolore fin dal primo giorno. In aggiunta l’effetto analgesico ottenuto non si limita ai giorni di trattamento attivo (ossia, di applicazione della fascia riscaldante), ma si protrae anche nel periodo successivo, facilitando la ripresa dell’attività fisica e la remissione dall’episodio doloroso.

Mal di schiena cosa sapere

Gli studi clinici e l’esperienza comune indicano che non esistono strategie in grado di evitare al 100% l’insorgenza del mal di schiena, soprattutto se si è predisposti a soffrirne. Per di più, le evidenze disponibili avvisano che il principale fattore di rischio per l’insorgenza della lombalgia consiste nell’averne sofferto in precedenza, mettendo di fronte a un circolo vizioso negativo che, una volta innescato, sembrerebbe soltanto poter peggiorare nel tempo e far soffrire sempre più spesso. In realtà, alcuni interventi in grado di prevenire gli attacchi acuti di mal di schiena esistono, anche se il loro livello di efficacia è variabile da caso a caso e da persona a persona.
 
La strategia preventiva in grado di offrire i benefici più consistenti contro il mal di schiena, sostanzialmente priva di controindicazioni e sfruttabile a qualunque età, è l’attività fisica aerobica regolare, scelta e praticata tenendo conto delle potenzialità individuali e, preferibilmente, supportata da fisioterapisti/istruttori esperti. La sua utilità, sia nel ridurre la probabilità di andare incontro a un attacco di lombalgia acuta sia nel favorirne la remissione in fase post-acuta, è stata dimostrata nel contesto di numerosi studi clinici.
 
Per ottenere benefici apprezzabili per la schiena senza esporsi a rischi, è necessario scegliere attività che non stressino troppo muscoli e articolazioni e che non espongano a un’elevata probabilità di traumi o cadute. In aggiunta, va ricordato di prevedere sempre una fase di riscaldamento preliminare, con esercizi a bassa intensità, e una fase di defaticamento alla fine, che contempli anche un cauto stretching dei distretti muscolari utilizzati, compresa la schiena.
 
Attività particolarmente utili per preservare la salute della schiena comprendono, per esempio, il nuoto, la ginnastica dolce (a terra o in acqua), le camminate (in piano o in montagna), lo yoga, il tai-chi ecc. Oltre a rafforzare i muscoli di schiena e addome, il movimento aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo (importante fattore di rischio per la lombalgia), ad allentare ansia e stress e a migliorare il tono dell’umore: tre effetti che possono contribuire a contrastare l’insorgenza di contratture muscolari e il dolore che le accompagna.
 
Un ulteriore aiuto preventivo può venire da massaggi e manipolazioni spinali o dall’agopuntura, a patto che siano eseguiti da personale sanitario preparato e certificato. Studi recenti hanno segnalato anche la possibile utilità contro il mal di schiena di strategie di rilassamento e meditazione, specie nelle forme che presentano a una più marcata componente psicologica.
 
Altri accorgimenti pratici preventivi vantaggiosi per chi soffre spesso di mal di schiena comprendono:

  • fare attenzione alle posture assunte durante la giornata (importante, in particolare, mantenere la schiena diritta e usare spessori anatomici a supporto della curva lombare quando si è seduti) e durante il riposo notturno (fondamentale: scegliere un buon materasso e usare cuscini sagomati per la cervicale e per riempire lo spazio tra le gambe);
  • evitare di sollevare carichi eccessivi e bilanciare sempre i pesi su entrambe le braccia (per esempio, suddividendo la spesa in due borse o, meglio, usando un trolley);
  • non chinarsi, ma piegarsi sulle ginocchia per raccogliere oggetti da terra e non effettuare bruschi movimenti di torsione del busto, specie se si stanno portando pesi;
  • alzarsi e sedersi con cautela da poltrone e divani, facendo peso sulle braccia, soprattutto se le sedute sono basse e/o morbide;
  • alzarsi dal letto spostandosi prima su un fianco e appoggiando i piedi a terra, per non sforzare troppo muscoli addominali e dorsali dopo diverse ore di inattività.